Crea sito

Ricette salate

Ricette in ordine alfabetico:

Avocado's pancakes

 ESCAPE='HTML'

Le innumerevoli proprietà dell'avacado sono ormai note a tutti. Ultimamente utilizzato come sostitutivo del burro nelle ricette dolci. Visto che come matera grassa ha le stesse qualità anche se un apporto di grassi decisamente diverso. Viene anche utilizzato in cucina per la realizzazione di pestati o di salse. E' il famosissimo ingrediente della cucina giapponese per la preparazione del sushi. Oggi invece io lo riutilizzo per una colazione diversa dal solito.

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Focaccia con pomodorini

La focaccia, anche detta schiacciata, è un impasto di farina, acqua, lievito e sale, simile a quello del pane, cotto al forno o alla brace. Pur avendo in comune gli ingredienti base, la focaccia viene prodotta in una vastissima gamma di tipi che differiscono per condimento e lavorazione, assumendo svariate denominazioni.  Isidoro di Siviglia, nelle sue Etymologiae, sostiene che il termine "focaccia" derivi dal latino focàcia, femminile di focàcius, con il significato di "cotta al focolare" (Info: Wikipedia).

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Frittata albumi e tofu

 ESCAPE='HTML'

Il tofu, talvolta definito anche come caglio di semi (di soia), è un alimento diffuso in quasi tutto l'estremo oriente (Cina, Giappone, Corea, Vietnam, Thailandia, Cambogia). Sebbene in occidente sia noto con il suo nome giapponese, ha origini cinesi. Viene ricavato dalla cagliatura del succo estratto dalla soia e dalla successiva pressatura in blocchi, generalmente in forma di parallelepipedo. La fabbricazione del tofu dalla soia è simile a quella del formaggio dal latte. (Info: Wikipedia)

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Girasole farcito

 ESCAPE='HTML'

Il nome deriva da due parole greche ”helios” (sole) e ”anthos” (fiore) in riferimento alla tendenza di questa pianta a girare sempre il capolino verso il sole, comportamento noto come eliotropismo. Il nome specifico (annuus) indica il tipo di ciclo biologico (annuale). Anche il nome comune italiano (Girasole) deriva dalla rotazione in direzione del sole. Il termine “girasole” è anche usato per indicare le altre piante appartenenti al genere "Helianthus", molte delle quali sono perenni. (Info: Wikipedia)  

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Lunette di ceci

 ESCAPE='HTML'

I ceci sono legumi molto calorici, anche considerato il fatto che i valori nutrizionali vengono calcolati sul cece essiccato; questo fa sì che un etto di ceci contenga circa 316 kcal. Le altre sostanze presenti però compensano questo svantaggio, grazie alla ricchezza dei benefici che comportano: si parla soprattutto di vitamina C, E, B1, B2, B3, proteine vegetali, fibre, magnesio e fosforo.  Su cento grammi di prodotto circa il 10 per cento è rappresentato da acqua, il 47 da carboidrati, il 20 da proteine, il 6 da grassi, il 14 da fibra. Tra i minerali i più presenti sono magnesio, potassio, fosforo, calcio e ferro. (Info: Benessere)

Vuoi provare con la mia RICETTA?

 

Maialini di pane

 ESCAPE='HTML'

E' uno stuzzichino invitante e con una forma divertente. Sono dei piccoli panini morbidissimi e molto gustosi. Ideale per i bambini, personalizzabili con svariati ripieni a seconda dei propri gusti. Perfetti per un antipasto informale oppure anche per un buffet. Io li ho preparati per la serata di S. Lucia di domani. Al posto del dolce quest'anno ci lanceremo sul salato. Grandi e piccoli non sapranno resistere.

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Panbrioche integrale

La brioche o brioscia è un dolce lievitato, cotto al forno e a volte farcito. Gli ingredienti principali sono la farina, le uova, il burro, il lievito e lo strutto animale. Per la farcitura le creme più usate sono la marmellata, la crema pasticcera e la crema di cioccolato. Il termine brioche viene inoltre comunemente usato nelle regioni dell'Italia settentrionale per indicare il croissant, chiamato invece cornetto nelle regioni centrali e meridionali. La più celebre citazione della brioche è stata attribuita a Maria Antonietta, che, a proposito del popolo affamato a causa dell'alto prezzo del pane, avrebbe esclamato: «Che mangino brioche!».

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Pane con semi

 ESCAPE='HTML'

Il pane: la mia nuova mania. Io mi comporto in modo assurdo lo so, ma quando mi parte la fissa su un prodotto oppure un almento non mi freno più. Continuo ad utilizzarlo fino all'arrivo di qualcosa che prenda il suo posto. Altra nuova fissa: i semi di zucca e i semi di girasole. Sono riuscita a combinarli insieme in una pagnotta veramente trooooooppo buona, e nemmeno troppo laboriosa da realizzare. 

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Pane di zucca

 ESCAPE='HTML'

Nei paesi anglosassoni la zucca è utilizzata per la costruzione della Jack-o'-lantern, caratteristica lanterna rudimentale utilizzata durante la festa di Halloween per scacciare Spiriti maligni che secondo la leggenda vagano sperduti sulla terra e si dice che se una persona o un animale posseduto da uno di questi spiriti si avvicini alla casa in cui è presente una zucca quest'ultima si illumini di un azzurro intenso e lo spirito che tenta di entrarvi viene intrappolato nella fiamma della zucca. (Info: Wikipedia)

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Pane nero ai sette cereali

 ESCAPE='HTML'

Una miscela equilibrata di diversi cereali  dall' elevato valore nutrizionale, che  conferiscono al pane un caratteristico sapore naturale e genuino. Questa miscela è fonte di fibre ed è ideale per preparare sia impasti fatti a mano che con la macchina del pane. (Info: Molino Spadoni)   

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Pizza del cavolo

 ESCAPE='HTML'

Il cavolfiore è una varietà di Brassica oleracea. Il cavolfiore è caratterizzato da un'infiorescenza, detta testa o palla, costituita da numerosi peduncoli fiorali, molto ingrossati e variamente costipati. L'infiorescenza, che può assumere una varia colorazione (bianca, paglierina, verde, violetta) costituisce la parte commestibile dell'ortaggio.I cavoli sono alimenti preziosi per i loro principi nutritivi: potassio, calcio, fosforo, ferro, acido folico, vitamina C ecc. Contengono inoltre principi attivi anticancro, antibatterici, antinfiammatori, antiossidanti, antiscorbuto. Sono depurativi, rimineralizzanti e favoriscono la rigenerazione dei tessuti. Il cavolfiore è particolarmente indicato in caso di diabete perché le sue proprietà contribuiscono a controllare i livelli di zuccheri nel sangue. (Fonte: Wikipedia)

Vuooi provare con la mia RICETTA?

Schiacciata di patate

Dal punto di vista nutrizionale le patate sono conosciute principalmente per l'alto contenuto in carboidrati (circa 26 grammi in una patata di 150 g, cioè medie dimensioni), presenti principalmente sotto forma di amidi. Una piccola ma significativa parte di tali amidi delle patate è resistente agli enzimi presenti nello stomaco e nell'intestino tenue, sì da raggiungere l'intestino crasso quasi intatto. Si ritiene che questi amidi abbiano effetti fisiologici pari a quelli delle fibre alimentari.Le patate sono fonte di importanti vitamine e minerali. Una patata di medie dimensioni (150 g), consumata con la buccia, fornisce 27 mg di vitamina C (45% della dose giornaliera raccomandata), 620 mg di potassio (18% della dose giornaliera raccomandata), 0,2 mg di vitamina B5 (10% della dose giornaliera raccomandata), oltre a tracce di tiamina, riboflavina, folati, niacina, magnesio, fosforo, ferro e zinco; le patate sono assieme alle cipolle e a seconda della natura del terreno in cui sono cresciute l'alimento con le quantità più significative di selenio e litio. Inoltre il contenuto di fibre di una patata con buccia (2 g) è pari al contenuto di fibre del pane integrale, della pasta e dei cereali. Oltre alle vitamine, ai minerali ed alle fibre, le patate contengono svariati composti fitochimici, quali i carotenoidi ed i polifenoli. (Info: Wikipedia)

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Schiacciata farcita

 ESCAPE='HTML'

Sempre di corsa, sempre all'ultimo minuto e sempre alla ricerca di una ricetta diversa e rapida. Anche oggi sono riuscita a stare nei tempi previsti. Per nulla elaborata come ricetta, con pochi ingredienti e con un risultato davvero invitante. Se anche voi siete sempre di fretta, questa schiaciata fa davvero al caso vostro.

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Sfoglia asparagi e funghi

 ESCAPE='HTML'

L'asparago. Fu coltivato e utilizzato nel Mediterraneo dagli Egizi e in Asia Minore 2000 anni fa, così come in Spagna. Mentre non sembra che gli antichi Greci coltivassero gli asparagi, i Romani già dal 200 a.C. avevano dei manuali in cui minuziosamente se ne espone la coltivazione. L'asparago fu appunto citato da Teofrasto, Catone, Plinio e Apicio; in particolare questi ultimi due ne descrissero accuratamente non solo il metodo di coltivazione, ma anche quello di preparazione. Agli imperatori romani gli asparagi piacevano così tanto, che, ad esempio, sembra che abbiano fatto costruire delle navi apposite per andarli a raccogliere, navi che avevano come denominazione proprio quella dell'asparago ("asparagus"). Dal XV secolo è iniziata la coltivazione in Francia, per poi, nel XVI secolo, giungere all'apice della popolarità anche in Inghilterra; solo successivamente fu introdotto in Nord America. I nativi americani essiccavano gli asparagi per successivi usi officinali. (Info: Wikipedia)

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Speedy pizza

 ESCAPE='HTML'

La pasta per la pizza, come tutte le paste lievitate, necessita di tempi di riposo lunghi. Non sempre lo scorrere delle giornate ci da la possiblità di dedicarci a questi laboriosi meccanismi. Ok non sarà sicuramente come l'impasto della pizzeria ma credetemi, ha placato una voglia imminente!

Vuoi provare con la mia RICETTA?

Waffle di patate

 ESCAPE='HTML'

La gaufre, altrimenti nota come wafel e waffle, è un dolce a cialda (che ne è la traduzione esatta), croccante fuori e morbido dentro, cotto su doppie piastre roventi che gli conferiscono il caratteristico aspetto goffrato (vale a dire, una superficie a grata). Ne esistono diverse varianti, tipiche del Belgio, della Francia, della Germania, della Scandinavia e dei Paesi Bassi. In Italia esiste un dolce pressoché identico nella tradizione abruzzese e molisana, chiamato ferratella, nella Alta Val Chisone e nella Alta Val di Susa esistono dei dolci simili chiamati gofri ed in Canavese una preparazione assimilabile prende il nome di "ofela" o "canestrel". (Info: Wikipedia)

Vuoi provare con la mia RICETTA?